fbpx

Al via gli eventi presso la pista per levrieri di Maserada sul Piave.

Condividi

Le associazioni: le caratteristiche della pista e delle competizioni non permettono di garantire l’incolumità e la salute dei cani partecipanti.
Porteremo le nostre ragioni, condivise dai 67mila firmatari della petizione, al sindaco Marini.

Domenica 12 giugno è scattato il primo evento che ha inaugurato la pista per levrieri costruita a Maserada sul Piave (TV) nel parco Parabae e che consisteva in prove di corsa finalizzate al rilascio delle licenze racing.

Queste prove sono state realizzate su di una pista con caratteristiche tali da non garantire né l’incolumità né la sicurezza dei cani, in palese violazione di quanto previsto dalla convenzione stipulata tra il Comune di Maserada sul Piave ed Enci Servizi srl, oltre che del regolamento Enci stesso.

Il parere delle associazioni

Studi scientifici, come quello del professore Andrew Knight, e abbondanti dati provenienti dai paesi anglosassoni dimostrano che le piste ovali con le caratteristiche tecniche di quella di Maserada sul Piave sono molto pericolose per i cani che, lanciati a tutta velocità, restano vittime di incidenti, anche mortali, fin dalla prima curva che affrontano” – sottolineano le associazioni ENPA, LAV, LNDC, OIPA e Pet Levrieri.

Sono già previste due giornate di gare, una nazionale per il 25 settembre e una internazionale per il 16 ottobre, il che rappresenta un grave precedente, perché introduce la possibilità di svolgere nel nostro Paese competizioni nazionali e anche internazionali di racing.

Anche se questo tipo di gare differisce per una serie di aspetti da quelle con scommesse praticate nei paesi anglosassoni, vi sono affinità che lo rendono oggettivamente pericoloso per i cani e non solo.

Sono oltre 67mila le persone che, alla luce dei gravi rischi evidenziati, hanno firmato la petizione per chiedere la chiusura della pista – commentano le associazioni – Il prossimo 25 giugno incontreremo il sindaco Marini ed esporremo le nostre ragioni e quelle della cittadinanza, affinché vengano prese seriamente in considerazione per rivalutare la convenzione”.

La petizione

Per firmare la petizione: https://chng.it/7pK9tnbXyR

®Riproduzione riservata



Siamo gli editori di noi stessi
Non percepiamo contributi statali di alcun genere; tutto dipende dalle nostre forze e dal vostro sostegno per cui, se volete, potete sempre dare un contributo per sostenere ValdoTv e il suo staff.

Contributi – https://buy.stripe.com/aEUeWm0kx4vBcyk144

Puoi seguirci anche su:
Telegram – https://t.me/valdotv
Twitter – https://www.twitter.com/valdotv
Facebook – https://www.facebook.com/valdotv
Youtube – https://www.youtube.com/valdotv
Instagram – https://www.instagram.com/valdo_tv
Tumblr – http://valdotv.tumblr.com/
TikTok – https://www.tiktok.com/@valdo_tv

Sergio Capretta

Presidente e direttore responsabile di Valdo Tv, Organizzazione Giornalistica Europea Giornalista indipendente. European Journalist GNS Association - International News Agency Esperto nel settore dei media online e videomaking. Esperto in editing non lineare, social media, video, Web e programmazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »