fbpx

Montebelluna festeggia i 150 anni della sua nascita: il calendario estivo degli eventi

Condividi

150 anni fa il mercato di Montebelluna si trasferì dal Colle alla pianura determinando la nascita della Città così come oggi la conosciamo. Un evento unico che la città ha deciso di celebrare con un ricco programma di eventi che dureranno tutto l’anno, con il coinvolgimento di moltissime associazioni del territorio nonché della comunità civile.

UNA STORIA LUNGA 150 ANNI

Il processo del trasferimento del mercato inizia infatti nel 1869, quando il Consiglio Comunale di Montebelluna deliberò l’atteso trasporto dell’antico mercato al piano. Il programma di concorso del nuovo mercato del 30 giugno 1869 prevedeva una superficie destinata alle piazze di ben 16.800 metri quadri. I progetti giunti all’attenzione dei commissari furono sei, ma quello più rispondente ai bisogni richiesti venne giudicato a firma Gio. Batta Dall’Armi, dal titolo Il tempo è moneta, e proclamato vincitore il 9 gennaio 1870.

Il giorno 8 settembre 1872 il Nuovo Mercato venne inaugurato. In poco più di tre anni, un insieme disarticolato di insediamenti e di villaggi (con l’eccezione del sito dell’antico mercato e del quartiere di Biadene) formanti il Comune amministrativo di Montebelluna trovò finalmente un suo baricentro. Un territorio centrifugo e senza forma, trovò una definizione centrale attraverso un segno urbano obiettivamente inconfondibile.

Il progetto di costruzione del Nuovo Mercato prevedeva l’erezione di una grande loggia a nord e di una più piccola, a chiusura della piazza dei grani, a sud che non venne mai realizzata. Inoltre, il particolare della loggia accompagnata a sud dal lastricato “di vivo della cava di Possagno, della qualità volgarmente detta “barettin” appare una connessione evidente tra il presente della civiltà contadina e il futuro della nuova città e segnala quindi con forza, il carattere programmatico dell’operazione. Il portico e il “selese” diventeranno quindi loggia e piazza dei grani: dalla campagna alla città.

La costruzione del centro fu un’impresa a dir poco leggendaria: nel giro di circa cinque anni vennero costruiti oltre venticinque edifici, quasi tutti di dimensioni ragguardevoli e articolate, tra cui almeno otto autentici palazzi. In essi trovarono posto negozi, esercizi commerciali, abitazioni e uffici.
La storia della costruzione del centro di Montebelluna è quindi indissolubilmente legata alla storia del suo mercato, un grande emporio che funzionò come volano per lo sviluppo delle attività agricole e artigianali.

IL LOGO DI MONTEBELLUNA 150

A conclusione di un concorso di idee, è stato scelto il logo e payoff ideato da Agnese Martini della 4a dell’Istituto Einaudi Scarpa di Montebelluna. Nel logo la studentessa ha voluto rappresentare alla sinistra la colonna di Mercato vecchio e alla destra la Loggia dei Grani, i cui archi formano il numero 150. I colori utilizzati richiamano lo stemma del comune di Montebelluna: il verde raffigura il colle, il rosso simboleggia il mantello della dea Bellona, da cui deriva il nome della città di Montebelluna e l’azzurro rappresenta l’acqua delle fontane a Montebelluna.

PROGRAMMA ESTIVO MONTEBELLUNA 150

È stato pubblicato un primo calendario di eventi che interesserà il periodo estivo – da giugno a settembre – composto da eventi di 4 categorie tematiche diverse: tradizione e folklore, cultura, turismo e altro (commercio, sport, est).

I festeggiamenti si sono aperti giovedì 2 giugno con la Cerimonia di apertura delle celebrazioni per i 150 anni.

Per scaricare il CALENDARIO DEGLI EVENTI ESTIVI DI MONTEBELLUNA 150 cliccca QUI

Oltre agli eventi singoli, spiccano due rassegne:

  • la Rassegna “Sette note nel tempo” che raccoglie sette serate di storia sulle note del passato e dei suoi suoni curate dallo storico Lucio De Bortoli in collaborazione con Ente Palio e l’accompagnamento musicale dell’Accademia Musicale Mozart e di Chitarra in Arte
  • la Rassegna: Passeggiate urbane Montebelluna con otto passeggiate alla scoperta di luoghi cittadini diversi a cura del Museo di Storia Naturale e Archeologia, del MeVe Memoriale Veneto della Grande Guerra o della Parrocchia del Duomo.

E ancora, la Cena tra sapori e profumi di un tempo. 150 anni a tavola in collaborazione con la Pro Loco Montebelluna, Montello a Tavola, Tonon Nicola Events e Catering e la Mostra “Visioni Urbane: l’arte incontra le persone” che sarà inaugurata il 16 luglio.
Momento clou dei festeggiamenti saranno gli eventi collaterali quali Il Vecchio Mercato. Mostra mercato tra passato, presente e futuro a cura del Comitato Civico Mercato Vecchio, Matinèe al caffè: Parlavano di noi. Letture di articoli dei quotidiani di 150 anni fa a cura del lettore Luca Zanetti, Alessandra Cappelletto, “Caccia alla “mercanzia”! a cura del Museo di Storia Naturale e Archeologia e Alessandra Cappelletto (domenica 11 settembre) ed il Concerto 150 anni in Musica a cura dell’Accademia Musicale Mozart (venerdì 16 settembre).

®Riproduzione riservata



Siamo gli editori di noi stessi
Non percepiamo contributi statali di alcun genere; tutto dipende dalle nostre forze e dal vostro sostegno per cui, se volete, potete sempre dare un contributo per sostenere ValdoTv e il suo staff.

Contributi – https://buy.stripe.com/aEUeWm0kx4vBcyk144

Puoi seguirci anche su:
Telegram – https://t.me/valdotv
Twitter – https://www.twitter.com/valdotv
Facebook – https://www.facebook.com/valdotv
Youtube – https://www.youtube.com/valdotv
Instagram – https://www.instagram.com/valdo_tv
Tumblr – http://valdotv.tumblr.com/
TikTok – https://www.tiktok.com/@valdo_tv

Sofia Facchin

Freelance nell'ambito della comunicazione e content writer, con il pallino della promozione territoriale, collabora con diversi enti, fra cui l'Associazione Musicale "Toti dal Monte" e la formazione musicale "Piccola Orchestra Veneta", di Solighetto (Tv).  Attualmente è  impegnata nello sviluppo del progetto personale "Proprio Dietro Casa", finalizzato alla valorizzazione del Veneto, non solo come meta turistica, ma anche come "luogo dell'anima". Sofia coltiva la passione per i Paleoveneti, dalla cui sapienza antica trae spunti per itinerari e riflessioni sul mondo che la circonda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »