fbpx

“57 giorni per ricordare”: L’Associazione culturale Careni non dimentica le vittime di mafia

Condividi

57 giorni per ricordare… Careni racconta la mafia” è il titolo della rassegna promossa dall’associazione culturale Careni con il sostegno dell’amministrazione comunale di Pieve di Soligo. La rassegna, in memoria delle vittime di mafia nel 30° anniversario delle stragi del ’92, ha in programma cinque appuntamenti e prenderà il via lunedì 23 maggio fino al prossimo 19 luglio. Una rassegna pensata soprattutto per palare ai giovani che nel 1992 ancora non c’erano.

“Parlate della Mafia. Parlatene in televisione, alla radio, sui giornali. Però parlatene” diceva Paolo Borsellino. E questo, dunque, è l’invito accolto dall’Associazione Culturale Careni che lunedì 23 maggio alle ore 20.30 presso l’omonimo cinema di via Guglielmo Marconi inaugurerà la rassegna “57 giorni per ricordare… Careni racconta la mafia” con la proiezione del documentario “Letizia Battaglia Shooting the Mafia”, la fotoreporter recentemente scomparsa che con i propri scatti ha saputo raccontare come nessun altro il difficile periodo della guerra di mafia in Sicilia dagli anni ’70 ai ’90.

Nel secondo appuntamento, a calendario il 16 giugno, “OurVoice&Antimafia2000” a farla da padrona sarà la musica con il concerto dei giovani attivisti di OurVoice intervallate da letture a cura della redazione del quotidiano online Antimafia2000.

Il 22 giugno, sempre alle 20.30 nelle mura amiche del teatro Careni, il convegno “Memorie di Mafia” prenderà vita grazie alla testimonianza di Salvatore Borsellino, fratello del giudice Paolo morto nella strage di via D’Amelio assieme agli agenti della propria scorta, e del professor Enzo Guidotto, presidente dell’Osservatorio Veneto sul fenomeno mafioso e consulente della Commissione Parlamentare Antimafia.

Alla Rete di Libera, Ass.ni Nomi e Numeri contro le mafie, Coordinamento di Treviso, è dedicata la serata del 9 luglio a in cui interverrà Il dottor Pasquale Borsellino, Psicologo e Psicoterapeuta dell’Ulss 2 e uno dei, purtroppo tanti, parenti di vittime di mafie che ancora lotta per la verità e la giustizia sulle morti di suo fratello Paolo e del padre Giuseppe.

In chiusura di rassegna, il 19 luglio, l’incontro dal titolo “57° giorno, le nostre memorie” con la proiezione del video realizzato dagli attivisti del Careni con i ricordi di quella tragica estate 1992.

Seguirà la proiezione del film “Il Traditore” di Marco Bellocchio.

Tutte le serate evento avranno inizio alle 20.30 e l’ingresso sarà gratuito per incentivare la partecipazione del pubblico.

All’interno della rassegna sarà ospite Rosy Bindi: ministro, deputato e presidente della commissione parlamentare antimafia dal 2013 al 2018, che ha confermato la sua presenza per una serata speciale in programma prossimamente.

®Riproduzione riservata



Siamo gli editori di noi stessi
Non percepiamo contributi statali di alcun genere; tutto dipende dalle nostre forze e dal vostro sostegno per cui, se volete, potete sempre dare un contributo per sostenere ValdoTv e il suo staff.

Contributi – https://buy.stripe.com/aEUeWm0kx4vBcyk144

Puoi seguirci anche su:
Telegram – https://t.me/valdotv
Twitter – https://www.twitter.com/valdotv
Facebook – https://www.facebook.com/valdotv
Youtube – https://www.youtube.com/valdotv
Instagram – https://www.instagram.com/valdo_tv
Tumblr – http://valdotv.tumblr.com/
TikTok – https://www.tiktok.com/@valdo_tv

Sergio Capretta

Presidente e direttore responsabile di Valdo Tv, Organizzazione Giornalistica Europea Giornalista indipendente. European Journalist GNS Association - International News Agency Esperto nel settore dei media online e videomaking. Esperto in editing non lineare, social media, video, Web e programmazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »