fbpx

“LuMe – storie di luce e memorie” al Faro di Punta Tagliamento

Condividi

Più di un secolo fa, nell’antica selva di Punta Tagliamento, spinto da venti lontani è approdato
un curioso navigante con la sua lanterna di Luce.
Da quel giorno, il vecchio guardiano LuMe veglia silenziosamente sull’Isola di Bibione,
custodendone segreti… e Memorie
.”

Grazie a Progetto LuMe, il faro di Punta Tagliamento si racconta in una mostra dedicata interamente alle vicende dei protagonisti della sua storia.

Immagini e voci di tempi passati, alla mostra “LuMe – Storie di Luce e Memorie”

Ricordi di ordinaria cura della lanterna di luce, di ritrovi di famiglie e nuovi amori nati all’ombra della torre, di guerre e colpi di cannone.

Un racconto corale, a più voci, grazie alle preziose testimonianze autobiografiche e alle fotografie raccolte.

Ad arricchire i contenuti, le videointerviste di alcuni protagonisti.

Gli archivi della Marina Militare hanno restituito documenti e disegni storici importanti per la ricostruzione degli avvenimenti e delle modifiche architettoniche del faro nel tempo.

Il percorso espositivo, composto da cinque sale tematiche, accompagna il visitatore alla scoperta della storia del faro, dalla sua costruzione fino ai giorni nostri:

SALA 1
Primi lampi – I guardiani del faro – Ritratti di famiglia
Il faro di Punta Tagliamento, come importante riferimento marittimo, e la descrizione del suo funzionamento, corredata da disegni e informazioni tecniche.
I faristi, ritratti con le loro famiglie in momenti di intima quotidianità e le ricostruzioni degli ambienti in cui vivevano, così com’erano.

SALA 2
La stazione semaforica – I marinai del faro
La storia di questa importante installazione militare, che si trovava al primo piano dell’edificio, e dei marinai che hanno svolto il servizio di leva al faro di Bibione.
I turni di vedetta nella torretta di avvistamento, le segnalazioni alle navi e la trasmissione dei bollettini con le rilevazioni meteorologiche.

SALA 3
Eclissi di luce – Le pagine buie
La vita al faro nel corso dei due conflitti mondiali, dal suo bombardamento, allo sbarco dei soldati tedeschi e la successiva liberazione. In esposizione, documenti storiografici inediti scoperti presso gli archivi della Marina Militare.

SALA 4
I protagonisti si raccontano
La quarta sala cambia registro proponendo l’ascolto immersivo e intimo delle videointerviste agli uomini e alle donne che hanno legato la propria vita al faro di Bibione.

SALA 5
L’archivio di LuMe
L’ultima sala ospita la presentazione del progetto “LuMe – L’archivio di memoria”:una raccolta di fotografie e testimonianze scritte costantemente aggiornata grazie al contributo di tutti coloro che vorranno prendere parte al progetto.

La mostra è visitabile negli orari di apertura del Faro di Bibione.

Durante la stagione invernale rispetta i seguenti giorni e orari:

3-4, 8-9-10-11, 17-18, 24-26 dicembre e 1, 6-7-8 gennaio 2023;
area esterna: dalle ore 9.30 alle ore 15.30;
area interna: dalle ore 10.00 alle ore 15.00.

Il Faro verrà chiuso in caso di avverse condizioni metereologiche.

Negli orari di apertura dell’area interna del Faro, è possibile visitare anche l’allestimento multimediale del progetto PRIMIS, sul tema della minoranza friulana nel Veneto Orientale.

PROGETTO LUME

Progetto LuMe nasce nel 2019 con l’intento di tutelare e conservare la memoria del Faro di Punta Tagliamento a Bibione. Un intenso lavoro di ricerca ha permesso la raccolta di materiale autobiografico inedito, grazie alle testimonianze orali e alle fotografie dei faristi e marinai del faro, e dei loro familiari.

VUOI SOSTENERE PROGETTO LUME?

Vuoi mantenere vivo il ricordo del faro e ampliare l’archivio di Progetto LuMe?
Puoi raccontare la tua storia oppure inviare le foto a archivio@progettolume.it.

®Riproduzione riservata



Siamo gli editori di noi stessi
Non percepiamo contributi statali di alcun genere; tutto dipende dalle nostre forze e dal vostro sostegno per cui, se volete, potete sempre dare un contributo per sostenere ValdoTv e il suo staff.

Contributi – https://buy.stripe.com/aEUeWm0kx4vBcyk144

Puoi seguirci anche su:
Telegram – https://t.me/valdotv
Twitter – https://www.twitter.com/valdotv
Facebook – https://www.facebook.com/valdotv
Youtube – https://www.youtube.com/valdotv
Instagram – https://www.instagram.com/valdo_tv
Tumblr – http://valdotv.tumblr.com/
TikTok – https://www.tiktok.com/@valdo_tv

Sofia Facchin

Freelance nell'ambito della comunicazione e content writer, con il pallino della promozione territoriale, collabora con diversi enti, fra cui l'Associazione Musicale "Toti dal Monte" e la formazione musicale "Piccola Orchestra Veneta", di Solighetto (Tv).  Attualmente è  impegnata nello sviluppo del progetto personale "Proprio Dietro Casa", finalizzato alla valorizzazione del Veneto, non solo come meta turistica, ma anche come "luogo dell'anima". Sofia coltiva la passione per i Paleoveneti, dalla cui sapienza antica trae spunti per itinerari e riflessioni sul mondo che la circonda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »