fbpx

Il rapporto tra genitori e figli: debutta “Piena di grazia”

Condividi

Gli amici li scegli, i parenti ti capitano. Da questo adagio, le riflessioni sulla necessità di trovare un equilibrio tra persone che, nonostante le loro diversità, vivono insieme e condividono spazi e tempi. Riflessioni trascritte in un testo realizzato da una donna…per tre donne.

Così è nata “Piena di grazia”, una drammaturgia che affronta il tema del rapporto genitori-figli e dei “non-detti” che caratterizzano molti nuclei famigliari, anche quelli apparentemente più felici.

Scritto da Francesca Zava, diretto da Katiuscia Bonato e portato in scena da entrambe, insieme all’attrice Caterina Minute, la rappresentazione andrà in scena con un doppio appuntamento previsto per questo weekend al teatro Da Ponte di Vittorio Veneto.

«E’ uno spettacolo che mette insieme tanti racconti di dinamiche famigliari che ho letto, sentito e, perchè no?, vissuto – racconta Francesca Zava – Dentro non ci sono solamente le donne, bensì anche quelle figure fondamentali nella vita di tutti noi, come i genitori, i nonni, i fratelli. Proprio quelle persone che abbiamo più vicine e che sembrano conoscerci meno, perché la paura di deluderle e di non essere all’altezza delle loro aspettative ci porta a non mostrarci completamente, a non riuscire ad essere totalmente sinceri».

Il debutto dello spettacolo è previsto per questo sabato, 5 novembre, alle ore 21 al teatro Da Ponte, con una replica il giorno successivo, domenica 6 novembre, alle 18.
Un nuovo doppio appuntamento, dunque, al teatro di Vittorio Veneto, nella stagione organizzata dal Centro teatrale Da Ponte.

«In “Piena di grazia” si ride e si piange: ci sono tematiche importanti, ma trattate con leggerezza e dinamismo – dice la regista Bonato – Per dare maggior risalto ai dialoghi di queste tre sorelle che si ritrovano in un momento particolare della loro vita, abbiamo scelto una scenografia essenziale e pulita».

È in questa ambientazione che si muovono i personaggi, le tre protagoniste che credono di conoscersi, ma che scopriranno invece reciproci segreti mai confessati. «Sul palco ci sono caratteri estremamente diversi tra loro, ma molto reali, anche nei loro punti in comune – racconta l’attrice Caterina Minute – Con quest’opera va in scena il “quotidiano”, nella sua accezione più nobile, con le tante cose che si dicono e le altrettante che non si dicono e si rivelano magari solo dopo molti anni».

L’appuntamento è quindi al Teatro Da Ponte di Vittorio Veneto, sabato 5 novembre alle ore 21, oppure in replica domenica 6 novembre alle 18.

Per ulteriori informazioni e acquistare i biglietti: https://tickets.

®Riproduzione riservata


Siamo gli editori di noi stessi
Non percepiamo contributi statali di alcun genere; tutto dipende dalle nostre forze e dal vostro sostegno per cui, se volete, potete sempre dare un contributo per sostenere ValdoTv e il suo staff.

Contributi – https://buy.stripe.com/aEUeWm0kx4vBcyk144

Puoi seguirci anche su:
Telegram – https://t.me/valdotv
Twitter – https://www.twitter.com/valdotv
Facebook – https://www.facebook.com/valdotv
Youtube – https://www.youtube.com/valdotv
Instagram – https://www.instagram.com/valdo_tv
Tumblr – http://valdotv.tumblr.com/
TikTok – https://www.tiktok.com/@valdo_tv

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »