fbpx

L’artista Livio Ceschin: 30 anni di carriera con il docufilm “Percorsi incisi”

Condividi

Lunedì 1 giugno, alle ore 20.45, nell’auditorium comunale Battistella Moccia di piazza Vittorio Emanuele II, a Pieve di Soligo, si svolgerà l’incontro pubblico “Livio Ceschin e i suoi percorsi incisi”, con proiezione e presentazione del docufilm “Percorsi incisi”, incentrato sulla poetica artistica del noto incisore Livio Ceschin.

L’iniziativa si colloca giusto a conclusione delle attività che hanno celebrato i trent’anni della carriera artistica di Ceschin, reduce dalle mostre internazionali di successo tenutesi nei mesi scorsi prima presso l’antica Biblioteca dei Cappuccini a Lugano, in Svizzera, con l’esposizione di incisioni di Livio Ceschin “Il piacere della natura – Omaggio a Herman Hesse”. E poi con la personale ospitata nella zona di Liegi in Belgio nel Comune di Ans, patrocinata dalla Provincia e dalla città presso la sede del Castello di Waroux, dal titolo “Livio Ceschin – Musique du signe – gravures et dessins 1991-2021”.

LIVIO CESCHIN

Nato a Pieve di Soligo nel 1962 e formatosi presso l’Istituto d’Arte di Venezia e l’Accademia Raffaello di Urbino, considerato uno dei maggiori incisori italiani contemporanei, Livio Ceschin mostra una profonda padronanza delle tecniche calcografiche.

Talento innato, abilità unica, precisione straordinaria, una dimensione spirituale, che sostiene e alimenta l’impegno personale dell’artista, visione di paesaggio e stile d’insieme: ecco gli ingredienti principali della lezione dell’artista Ceschin, con una scelta di ambienti, immagini, nature e contesti ritratti così come appaiono ai nostri occhi, in maniera suggestiva ed emozionante.

Dal 1993 ad oggi gli sono state dedicate numerose esposizioni in Italia e all’estero, presso Gallerie e Istituti Italiani di Cultura; ha inoltre partecipato a Biennali e Triennali di grafica tra le quali quelle di Lubiana e Cracovia.

Nel 2013 l’Istituto Nazionale per la Grafica, a Roma, e, nel 2014, il Museo Rembrandt di Amsterdam, gli hanno dedicato due importanti esposizioni. In Finlandia, inoltre, nel 2015, ha esposto le 27 incisioni acquisite dalla Collezione Pieraccini, in collaborazione con i Musei Ateneum e Sinebryschoff di Helsinki.


Negli ultimi anni Livio l’artista ha realizzato importanti cartelle di grafica, tra cui quella curata con il poeta Andrea Zanzotto (2001) e quella edita a Milano con poesie di Mario Luzi e un testo di Franco Loi (2003). Dal 2002 fa parte della Royal Society of Painter – Printmakers di Londra e, dal 2016, della Fondazione Taylor di Parigi.

“SEGNI INCISI”

Il docufilm “Segni incisi” era stato presentato nello scorso mese di settembre al Lido di Venezia nell’ambito della programmazione degli eventi previsti nello spazio della Regione del Veneto alla 78° Mostra Internazionale d’Arte cinematografica di Venezia.

“Segni incisi” è ambientato nei luoghi di un paesaggio che cambia nei tempi e nelle stagioni e che ha ispirato Livio fin da bambino.
Attraverso l’opera del regista Maurizio Mottin e di Stefano Morini, autore delle colonne sonore, le riprese filmiche dei luoghi del cuore dell’artista, sconosciuti ai più, si alternano alle immagini dei suoi schizzi a matita e a inchiostro, dei disegni preparatori e delle loro incisioni.

Dodici sequenze tematiche, dense di pensieri, emozioni e sentimenti personali; si spazia dal Piave al Po, dal Cellina alle Lagune, nel susseguirsi delle stagioni, in spazi di luce e vento, immersi nella quiete e nel silenzio. E ci sono le voci fuori campo dei poeti Davide Rondoni, Luciano Cecchinel e Fabio Franzin e le testimonianze di scrittori e poeti come Mario Rigoni Stern, Giorgio Soavi e Franco Loi  sul mestiere e la poetica dell’incisore, lette dall’attore Roberto Citran.

Il docufilm su Livio Ceschin diventa un elogio alla bellezza, una riflessione etica e culturale sul rapporto fra uomo e natura e un invito alla meditazione sul senso profondo della vita.

Durante l’evento “Livio Ceschin e i suoi percorsi incisi” sono previsti i saluti di Luisa Cigagna, assessore alla cultura del comune di Pieve, di Flaminia De Martin, presidente dell’Università Adulti e di Emma Sech, presidente dell’Associazione Careni.

Moderati da Marco Zabotti, sono in programma anche gli interventi di Livio Ceschin, del regista Maurizio Mottin e di Michele Zanetti, saggista e autore di uno dei testi del catalogo digitale.

La serata è organizzata da Vite Illustri Pieve di Soligo, che unisce e coordina in rete Fondazione Balbi Valier, Fondazione Francesco Fabbri, Istituto Beato Toniolo, Associazione musicale Toti dal Monte, Associazione Amici di don Mario Gerlin e Associazione culturale Careni, con il contributo della Città di Pieve di Soligo e in collaborazione con la stessa Associazione Careni, l’Università degli Adulti “Cultura e Società” e l’azienda Home di Cison di Valmarino.

INFORMAZIONI E PARTECIPAZIONI

L’invito a partecipare alla serata è esteso a tutte le persone interessate.

L’ingresso è libero fino ad esaurimento dei posti, nel rispetto della normativa vigente anticovid.

®Riproduzione riservata



Siamo gli editori di noi stessi
Non percepiamo contributi statali di alcun genere; tutto dipende dalle nostre forze e dal vostro sostegno per cui, se volete, potete sempre dare un contributo per sostenere ValdoTv e il suo staff.

Contributi – https://buy.stripe.com/aEUeWm0kx4vBcyk144

Puoi seguirci anche su:
Telegram – https://t.me/valdotv
Twitter – https://www.twitter.com/valdotv
Facebook – https://www.facebook.com/valdotv
Youtube – https://www.youtube.com/valdotv
Instagram – https://www.instagram.com/valdo_tv
Tumblr – http://valdotv.tumblr.com/
TikTok – https://www.tiktok.com/@valdo_tv

Sofia Facchin

Freelance nell'ambito della comunicazione e content writer, con il pallino della promozione territoriale, collabora con diversi enti, fra cui l'Associazione Musicale "Toti dal Monte" e la formazione musicale "Piccola Orchestra Veneta", di Solighetto (Tv).  Attualmente è  impegnata nello sviluppo del progetto personale "Proprio Dietro Casa", finalizzato alla valorizzazione del Veneto, non solo come meta turistica, ma anche come "luogo dell'anima". Sofia coltiva la passione per i Paleoveneti, dalla cui sapienza antica trae spunti per itinerari e riflessioni sul mondo che la circonda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »