Infermiere di famiglia: De Palma “Finalmente le linee guida ma non bastano”

Condividi

«Avevamo ragione noi quando mesi fa, nella discussione in Senato sul disegno di legge in merito all’introduzione dell’infermiere di famiglia, io stesso, chiamato a relazionare sul DDL, esposi la necessità dell’introduzione di una serie di normative centrali per regolarizzare l’organizzazione di questa fondamentale nuova figura professionale nell’ambito dei vari distretti territoriali. Si correva seriamente, il rischio di depauperare un progetto straordinario, decisivo per la rinascita del sistema sanitario nazionale, cadendo nel pericoloso errore di ritrovarsi con 20 tipologie di infermiere diverse per ogni singola regione».

Esordisce così Antonio De Palma, Presidente Nazionale del Nursing Up, nell’accogliere, non senza riserve, la realizzazione del tanto atteso documento centrale di coordinamento, da parte della Commissione Salute, finalizzato a costruire finalmente i primi passi del nuovo e complesso percorso dell’infermiere di famiglia in Italia.

«E’ solo l’inizio, continua il Presidente De Palma, di un cammino lungo e impegnativo nel quale non possono mancare impegno costante da parte di tutti e il pieno coinvolgimento di soggetti la cui figura è decisiva per la corretta costruzione di un progetto che necessita delle conoscenze dirette da parte del mondo sindacale, per valorizzare a pieno le potenzialità del nuovo infermiere di famiglia italiano, al pari di paesi europei che già da tempo si avvalgono di tale peculiare figura. 

Tuttavia non possiamo nascondere le nostre legittime perplessità: ci auguriamo infatti che non si tratti dell’ennesima operazione di facciata, dove questi politici agiscono, come spesso accade, “dosando” le proprie energie e applicandosi al minimo indispensabile. Riteniamo infatti che un documento del genere, nato dall’indispensabile esigenza di inquadrare in qualche modo le oltre 9500 nuove assunzioni frutto della legge 77/2020, non possa che essere solo la punta dell’iceberg. Alla base servirà un ulteriore ed ampio panorama di azioni e intenti concreti che vanno portati a termine nel minor tempo possibile. E’ evidente che si tratta, per ora, di linee di indirizzo ancora sperimentali , e per questa ragione chiediamo da subito la costruzione, per l’infermiere di famiglia, di un alveo contrattuale mirato, che sia idoneo allo spessore  di una figura professionale il cui rapporto di lavoro non può essere certo incardinato in un contratto tradizionale, perché deve  prendere in carico dai 6000 cittadini in su e perché questo richiede strumenti negoziali adatti e dedicati, come già accade per i medici di famiglia.

Non dimentichiamoci – dice ancora De Palma – che una delle ragioni principali del nostro proclamato stato di agitazione, per il quale saremo in piazza il 15 di ottobre e per il quale martedì prossimo siamo stati convocati dal Ministero del Lavoro, consiste proprio nell’atteggiamento inconcludente di questo Governo che non vuole dar corpo ad un inquadramento contrattuale distinto per il mondo infermieristico. Da tempo lo chiediamo per gli infermieri della sanità pubblica, più che mai appare necessario anche per l’infermiere di famiglia, con una ulteriore e decisiva differenziazione per tale categoria».

Siamo gli editori di noi stessi
Non percepiamo contributi statali di alcun genere; tutto dipende dalle nostre forze e dal vostro sostegno per cui, se volete, potete sempre dare un contributo per sostenere ValdoTv e il suo staff.

Paypal – http://paypal.me/ValdoTv

Puoi seguirci anche su:
Telegram – https://t.me/valdotv
Twitter – https://www.twitter.com/valdotv
Facebook – https://www.facebook.com/valdotv
Youtube – https://www.youtube.com/valdotv
Instagram – https://www.instagram.com/valdo_tv
Tumblr – http://valdotv.tumblr.com/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *