fbpx

Settimanale appuntamento online “Concerto per nessuno”

Condividi
Become a Patron!

Con i violoncellisti Federico Covre e Enrico Zambonsabato 20 febbraioore 17.00, torna il settimanale appuntamento online di “Concerto per nessuno” dalla secolare Villa Soligo di Farra di Soligo. La diretta sarà trasmessa nella pagina Facebook della “Piccola Orchestra Veneta”.

“Concerto per nessuno” è diventato un vero e proprio evento settimanale: tramite gli appuntamenti, con artisti sempre differenti, l’Associazione Musicale “Toti dal Monte” di Solighetto e la Piccola Orchestra Veneta – con il contributo di Home Cucine di Cison di Valmarino – si impegnano nel far conoscere i propri talentuosi solisti ad un pubblico sempre più vasto.

Come spiega il Maestro Giancarlo NadaiPresidente della “Toti” e ideatore del format: “anche se i concerti si svolgono in streaming sulla pagina Facebook della “Piccola Orchestra Veneta”, ci teniamo a portare il nostro pubblico (almeno virtualmente), nei luoghi Unesco più belli. Questa volta abbiamo scelto l’Hotel Villa Soligo dei Conti Brandolini d’Adda. Abbiamo già avuto occasione di collaborare con questa realtà, organizzando eleganti cene-concerto. In un momento come questo, dove spesso si rimpiange la possibilità di non poter viaggiare o di visitare nuovi luoghi, noi vogliamo rilanciare un turismo di prossimità, valorizzando storie, luoghi e persone del nostro patrimonio.

Il tutto a partire anche dai due solisti che interverranno.

Si tratta di Federico Covre e Enrico Zambondue violoncellisti della Piccola Orchestra Veneta, che si sono fatti notare dal Maestro Nadai per i progressi musicali, tanto da farli esibire più volte come solisti.

Pure il programma dei brani scelti farà capo ad un compositore “nostrano”: il veneziano Antonio Vivaldi.

Antonio Vivaldi non era solo un abilissimo violinista, ma anche un prolifico compositore che scrisse diverse sonate per violoncello e basso continuo.

Sei di esse, composte rispettivamente fra il 1720 ed il 1730, costituiscono un pilastro della letteratura violoncellistica, venendo pubblicate a Parigi (1740) da Leclerc e Boivin, ad insaputa del compositore.

Tale edizione non è priva di abbellimenti e diminuzioni, comunemente utilizzate nella prassi esecutiva dell’epoca, ma di fatto differisce dal manoscritto originale.

La sonata in La minore RV 44 fa parte delle 3 sonate non presenti nella pubblicazione francese e, per questo, venne scoperta solamente in epoca recente.

Essa è conservata al Conservatorio di Napoli ed è costituita da 4 movimenti: lento-veloce-lento-veloce.

Non mancano elementi di giudizioso silenzio, cantabilità, spavalderia e gioia inaspettata.

La brillantezza che caratterizza questa sonata, mescolata alla sua rarità, fa in modo che si metta in luce un Vivaldi molto innovativo, disposto a concedere nuove possibilità virtuosistiche allo strumento solista.

Oltre a Vivaldi, saranno eseguiti anche brani di Bach e Boccherini.

Ricordiamo che la diretta sarà trasmessa nella pagina Facebook della “Piccola Orchestra Veneta”.


Become a Patron!

Siamo gli editori di noi stessi
Non percepiamo contributi statali di alcun genere; tutto dipende dalle nostre forze e dal vostro sostegno per cui, se volete, potete sempre dare un contributo per sostenere ValdoTv e il suo staff.

Paypal – http://paypal.me/ValdoTv

Puoi seguirci anche su:
Telegram – https://t.me/valdotv
Twitter – https://www.twitter.com/valdotv
Facebook – https://www.facebook.com/valdotv
Youtube – https://www.youtube.com/valdotv
Instagram – https://www.instagram.com/valdo_tv
Tumblr – http://valdotv.tumblr.com/
TikTok – https://www.tiktok.com/@valdo_tv
Twitch – https://www.twitch.tv/valdo_tv

Sofia Facchin

Freelance nell'ambito della comunicazione e content writer, con il pallino della promozione territoriale, collabora con diversi enti, fra cui l'Associazione Musicale "Toti dal Monte" e la formazione musicale "Piccola Orchestra Veneta", di Solighetto (Tv).  Attualmente è  impegnata nello sviluppo del progetto personale "Proprio Dietro Casa", finalizzato alla valorizzazione del Veneto, non solo come meta turistica, ma anche come "luogo dell'anima". Sofia coltiva la passione per i Paleoveneti, dalla cui sapienza antica trae spunti per itinerari e riflessioni sul mondo che la circonda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »