fbpx

Presentato in commissione il progetto di legge sulle concessioni di grandi derivazioni d’acqua.

Condividi
immagine

Illustrato oggi, in Commissione Consiliare regione Veneto dall’assessore Gianpaolo Bottacin, il progetto di legge relativo alle disposizioni concernenti le concessioni di grandi derivazioni d’acqua a uso idroelettrico; una proposta normativa che prevede che allo scadere delle concessioni la proprietà di tutte le centrali relative alle grandi derivazioni diventino di proprietà pubblica.

“Una svolta epocale, che permetterà agli enti pubblici di gestire direttamente gli impianti o darli a terzi ma secondo le proprie norme – sottolinea l’Assessore – Impianti oltretutto che, a scadenza, dovranno essere consegnati dal gestore in perfetta efficienza. Una norma, dunque, assolutamente importante, che lo diventa ancor di più se vista anche nell’ottica che ciò permetterà pure di incedere in maniera decisiva sul tema dei livelli dei laghi”.

Significativa, nel testo che viene proposto, anche la salvaguardia della Provincia di Belluno, a cui non verranno, infatti, toccati né i canoni idrici che già da anni introita direttamente né i sovracanoni incassati dal BIM e destinati per le attività svolte dai Comuni, ma verranno anzi aggiunti ulteriori canoni gestiti a favore del territorio.

“Nei giorni scorsi avevo chiesto anche un incontro al presidente Padrin – prosegue Bottacin – per condividere assieme alcuni passaggi, ma era impegnato. Avremo comunque modo di confrontarci più avanti, proseguendo in quel percorso di collaborazione a cui la Regione mai si sottrae come ha dimostrato in moltissime anche recenti occasioni”.

“Questo progetto non va confuso con l’altra importante legge che abbiamo approvato lo scorso anno – specifica l’assessore Bottacin – e attraverso la quale abbiamo sancito l’obbligo per i titolari di grandi derivazioni idroelettriche di fornire ogni anno a titolo gratuito 220 kilowattora di energia elettrica per ogni kw di potenza nominale media di concessione. Due leggi diverse, ma entrambe che guardano alla tutela del territorio rafforzandone l’autonomia”.

ll progetto di legge in discussione infatti disciplina solo le procedure da seguire in vista della scadenza delle concessioni: la durata delle stesse, le modalità di affidamento di nuovi accordi, la gestione delle convenzioni già scadute.

“Anche se la gran parte delle concessioni scadrà solo nel 2029 – conclude Bottacin – è fin d’ora opportuno predisporre le procedure necessarie, così da arrivare pronti a tali scadenze”.

®Riproduzione riservata


Vuoi essere un membro attivo di ValdoTv? Visita la nostra pagina per abbonati:

Become a Patron!

Agli abbonati riserviamo contenuti esclusivi e servizi personalizzati a seconda del tipo di abbonamento


Siamo gli editori di noi stessi
Non percepiamo contributi statali di alcun genere; tutto dipende dalle nostre forze e dal vostro sostegno per cui, se volete, potete sempre dare un contributo per sostenere ValdoTv e il suo staff.

Paypal – http://paypal.me/ValdoTv

Puoi seguirci anche su:
Telegram – https://t.me/valdotv
Twitter – https://www.twitter.com/valdotv
Facebook – https://www.facebook.com/valdotv
Youtube – https://www.youtube.com/valdotv
Instagram – https://www.instagram.com/valdo_tv
Tumblr – http://valdotv.tumblr.com/
TikTok – https://www.tiktok.com/@valdo_tv
Pinterest – https://www.pinterest.it/Valdo_Tv
Twitch – https://www.twitch.tv/valdo_tv

Sergio Capretta

Presidente e direttore responsabile di Valdo Tv, Organizzazione Giornalistica Europea Giornalista indipendente. European Journalist GNS Association - International News Agency Esperto nel settore dei media online e videomaking. Esperto in editing non lineare, social media, video, Web e programmazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »