fbpx

Grave di Ciano: Crocetta fa ricorso al tribunale di Roma

Condividi

Dalle parole ai fatti. L’amministrazione comunale di Crocetta del Montello aveva promesso battaglia sul progetto delle casse di espansione nelle Grave di Ciano. E così ha fatto.

Lo scorso marzo, la Giunta Regionale, con la delibera n. 302, ha dato il mandato agli uffici regionali di avviare la gara per la progettazione del bacino di laminazione a Ciano. “Fino alla cantierabilità”.
A questo atto, il Comune di Crocetta del Montello ha risposto il 17 maggio con un ricorso presso il Tribunale delle Acque Pubbliche. I chiamati in causa: la Regione del Veneto, il Ministero della Transizione Ecologica e la Presidenza del Consiglio dei Ministri.

L’obiettivo dell’azione giudiziaria è annullare la delibera302 del 16 Marzo 2021. Lo scopo di base è sempre lo stesso: bloccare il progetto delle casse di espansione. Se realizzato, infatti, distruggerebbe irreversibilmente l’ecosistema delle Grave. Si creerebbero una serie di problematiche idrogeologiche non solo a Crocetta del Montello, ma anche ai territori limitrofi.

«La nostra richiesta è molto semplice – spiega il sindaco, Marianella Tormena – chiediamo l’annullamento della delibera e dei successivi atti ad essa legati. A nostro avviso è un atto necessario affinché venga garantito il rispetto delle indicazioni previste dal PSSI (Piano Stralcio Sicurezza Idraulica) che stabilisce prioritari gli interventi nel basso Piave al fine di garantire la sicurezza idraulica».

Il ricorso verte principalmente su questo aspetto. Ma si sottolinea anche la valenza naturalistica del sito delle Grave di Ciano e il danno che si arrecherebbe con le casse di espansione all’ecosistema e al contesto sociale del territorio. In più, l’opera finanziata dal Ministero dell’Ambiente andrebbe in contrasto con l’art. 7 del Decreto Legge del 12/09/2014. Al comma 2 di tale documento, infatti, si dice che questo tipo di interventi deve essere “in grado di garantire la riduzione del rischio idrogeologico e il miglioramento dello stato ecologico dei corsi d’acqua e la tutela degli ecosistemi e della biodiversità”.

L’udienza è prevista il prossimo 22 settembre alle ore 9:00 presso il Tribunale Superiore delle Acque Pubbliche di Roma.


Vuoi essere un membro attivo di ValdoTv? Visita la nostra pagina per abbonati:

Become a Patron!

Agli abbonati riserviamo contenuti esclusivi e servizi personalizzati a seconda del tipo di abbonamento


Siamo gli editori di noi stessi
Non percepiamo contributi statali di alcun genere; tutto dipende dalle nostre forze e dal vostro sostegno per cui, se volete, potete sempre dare un contributo per sostenere ValdoTv e il suo staff.

Paypal – http://paypal.me/ValdoTv

Puoi seguirci anche su:
Telegram – https://t.me/valdotv
Twitter – https://www.twitter.com/valdotv
Facebook – https://www.facebook.com/valdotv
Youtube – https://www.youtube.com/valdotv
Instagram – https://www.instagram.com/valdo_tv
Tumblr – http://valdotv.tumblr.com/
TikTok – https://www.tiktok.com/@valdo_tv
Twitch – https://www.twitch.tv/valdo_tv

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »