fbpx

DAD: i consigli degli psicologi dell’ULSS1 Dolomiti

Condividi

La Psicologia ospedaliera dell’Ulss Dolomiti ha preparato alcuni consigli per affrontare al meglio la Didattica a Distanza visto l’importante impatto sulle famiglie e sugli insegnanti.

COSA ACCADE AL RAGAZZO IN DAD

Resa scolastica: ricordiamo che è normale che il ragazzo si affatichi prima, sia più distratto e che memorizzi di meno. L’apprendimento è più efficace se collegato ad un luogo/azione; la distanza non “ingaggia” l’attenzione del ragazzo appiattendo la dimensione relazionale e lo studio nella propria camera mette a dura prova le capacità di concentrazione.

Isolamento e abitudine a fare da se: la scuola è fonte non solo di apprendimento nozionistico ma occasione di scambio, gioco e confronto. Sappiamo che la distanza dai coetanei, in ragazzi predisposti, può portare a fobie, ansia, disturbi alimentari, del sonno e a dipendenze da pc/internet. Tutti questi problemi si alimentano nella solitudine e aumentano nei ragazzi più chiusi la predisposizione a relazionarsi solo tramite la tecnologia.

Apatia e demotivazione; l’assenza di una relazione in presenza e il sovraccarico di compiti coinvolgenti la sola sfera cognitiva spesso creano, anche in ragazzini motivati allo studio, una sorta di apatia, che si può generalizzare anche ad attività ludiche , sportive e prima piacevoli.

RICORDIAMO CHE

I ragazzi vivono le emozioni, paure e le speranze degli adulti di riferimento. L’adulto deve quindi monitorare quanto comunica ed esprime e non chiedere al ragazzo quanto lui stesso fatica a tollerare. La condivisione degli stati d’animo va privilegiata al rimprovero.

Il ragazzo in questa fase deve apprendere cose ancora più importanti del programma scolastico: a proteggersi senza sviluppare fobie; a esprimersi, resistendo ai messaggi negativi e di sfiducia dei media; a gestire e monitorare le proprie emozioni/pensieri scaricando mente e corpo.

COSA FARE

Per gli insegnanti potrebbe essere utile resistere dal tentativo di recuperare il tempo in DaD sovraccaricando di compiti e verifiche quando sono in presenza: questa tentazione potrebbe essere sia poco efficacie ai fini dell’apprendimento e inoltre accentuare stati di ansia prestazionale; per la famiglia è importante cercare la condivisione di emozioni e stati d’animo così come il rispetto della privacy e degli spazi, bisogni e necessità degli adolescenti.

COME MIGLIORARE L’EFFICACIA IN DAD

Per i genitori: Predisporre un luogo stabile per svolgere le attività didattiche in casa. Preparare l’ambiente in modo ordinato,così che possa essere il meno possibile fonte di distrazione (es.tavolo sgombero contenente il materiale necessario, telecamera accesa, altri apparecchi elettronici non a portata di mano, etc);
seguire il mattino una routine il più possibile vicina a quella svolta durante la didattica in presenza (es. fare colazione, vestirsi, prepararsi);
Fare attività motoria nell’arco della settimana motorie anche all’interno dell’abitazione e anche insieme;

Per gli insegnanti: Guardate la web cam e chiamateli spesso per nome, migliora il coinvolgimento dell’alunno; attenzione agli strumenti. Utilizzate video, immagini, storie e racconti-aneddoti che creino curiosità, evitando spiegazioni troppo lunghe e lente: migliorano il coinvolgimento e la memorizzazione.
Usate un tono di voce alto e scandite bene le parole, perché non sempre l’audio è buono;
Richiamate spesso l’attenzione con frasi come “ascoltate bene”, “sto per dirvi una cosa importante, questo è importante…”. Rendeteli attivi durante la lezione: fate domande, lanciate sondaggi, chiedete di usare oggetti che hanno a portata di mano, chiedete di cercare in internet parole, fatti ecc.

Per Tutti: qualora sentiate il bisogno di aiuto, è possibile rivolgersi alle figura di psicologo disponibile all’interno della scuola; ricordiamoci che la sfida più importante non è arrivare al fine del programma ma rimanere uniti e crescere anche a distanza.

[democracy id=”1″]


Vuoi essere un membro attivo di ValdoTv? Visita la nostra pagina per abbonati:

Become a Patron!

Agli abbonati riserviamo contenuti esclusivi e servizi personalizzati a seconda del tipo di abbonamento


Siamo gli editori di noi stessi
Non percepiamo contributi statali di alcun genere; tutto dipende dalle nostre forze e dal vostro sostegno per cui, se volete, potete sempre dare un contributo per sostenere ValdoTv e il suo staff.

Paypal – http://paypal.me/ValdoTv

Puoi seguirci anche su:
Telegram – https://t.me/valdotv
Twitter – https://www.twitter.com/valdotv
Facebook – https://www.facebook.com/valdotv
Youtube – https://www.youtube.com/valdotv
Instagram – https://www.instagram.com/valdo_tv
Tumblr – http://valdotv.tumblr.com/
TikTok – https://www.tiktok.com/@valdo_tv
Twitch – https://www.twitch.tv/valdo_tv

Sergio Capretta

Presidente e direttore responsabile di Valdo Tv, Organizzazione Giornalistica Europea Giornalista indipendente. European Journalist GNS Association - International News Agency Esperto nel settore dei media online e videomaking. Esperto in editing non lineare, social media, video, Web e programmazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »