Segusino in un nuovo documentario che verrà presentato sabato 29 giugno 2019

Sarà presentato Sabato 29 giugno a Stramare di Segusino l’ultimo lavoro di Giovanni Carraro “Vette, borghi e capitelli di Segusino”

Stramare (Segusino TV)

Sarà la leggenda del diavoletto di San Barnaba e la storia del borgo di Stramare a fare da cornice all’ultimo lavoro cinematografico di Giovanni Carraro che, seguendo un format ormai consolidato, porta gruppetti di escursionisti a camminare sulle vie delle Prealpi.

A Segusino l’anello escursionistico del web-documentario si sviluppa attraverso la costa delle Miliane, partendo dal centro del paese e ripercorrendo vecchie mulattiere e antichi sentieri.

Un documentario voluto dalla Pro Loco e dall’amministrazione comunale, che è anche l’occasione per inaugurare i nuovi ponticelli installati lungo il torrente Riù, da Cal Del Pont di Segusino fino al seicentesco borgo Stramare. «L’idea è nata insieme al regista Giovanni Carraro alcuni mesi fa», spiega Gloria Paulon, sindaco di Segusino. «Una puntata tutta per noi che entra nel ciclo di documentari “Dolomiti e Prealpi Flash” non solo per parlare di sentieri della nostra area montana, ma anche di tradizioni e leggende. Il documentario, realizzato in collaborazione con l’emittente televisiva Telebelluno, è stato anche il pretesto per completare un progetto di riqualificazione dello storico Trodo de le Acque che collega Segusino a Stramare, il tutto grazie ad un finanziamento di oltre centomila euro ricevuti dal Consorzio Bim Piave.

TRADIZIONI E LEGGENDE

Il filmato prevede inserti culturali che raccontano storia e leggende di due piccoli edifici sacri e alterna la visione di alcuni capitelli scoperti lungo il percorso. Stiamo parlando della splendida chiesetta di Maria Ausiliatrice a Milies, spiegata da Elena Filini, una dei protagonisti del film. Una chiesetta che grazie all’intervento degli Alpini e degli Amici di Milies, sostenuti economicamente dal Comune e dalla generosità della popolazione, è tornata all’antico splendore. Il secondo inserto si riferisce all’oratorio di San Barnaba, qui la Filini racconta la leggenda del diavoletto posto sull’affresco dell’altare, che rappresentò per intere generazioni di contadini un monito a non bestemmiare.

Elena Filini
Giovanni Carraro

STRAMARE, UN BORGO MAGICO

Una tappa del video è interamente dedicata all’antico borgo Stramare, attraverso un inserto curato dallo scrittore locale Mariano Lio, sottolineando il concetto di “Opera de Rodol” ovvero offrire il proprio tempo per il bene comune, un concetto che in qualche maniera si avvicina al moderno termine definito “volontariato”.

Mariano Lio

IL PROGRAMMA DELL’EVENTO

Sabato 29 Giugno 2019 alle ore 20:30 ritrovo a Stramare, alle 20:45 ci sarà il taglio del nastro ai ponticelli sul torrente Riù e alle 21:00 la proiezione del film “Vette, borghi e capitelli di Segusino” nella piazzetta centrale sempre a Stramare. La serata, organizzata dalla Pro Loco, sarà anche l’occasione per un talk show che vedrà la presenza dei protagonisti del film, tra cui i tre simpatici ragazzini Matteo, Pietro e Gianluca. Condurrà Andrea Cecchella, direttore di Telebelluno, a fianco del regista Giovanni Carraro.

Fonte: Giovanni Carraro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *