Scoperta l’antica strada che collegava Este con Monselice

#Monselice – Il contributo recentemente realizzato assieme alla prof.ssa Giovanna Gambacurta per il volume in onore del prof. Guido Rosada prende spunto da una recente rilevazione e rielaborazione di foto aeree che hanno permesso un aggiornamento sulle conoscenze della rete itineraria che collegava Este con Monselice in epoca preromana e romana.

Si prefigurava così l’occasione di riprendere l’articolata e annosa questione relativa alle strade consolari che attraversavano l’agro atestino ripercorrendo antiche piste tracciate dai Veneti antichi e che, provenendo da ovest e da sud, trovavano nella zona di Monselice uno snodo strategico per il collegamento con centri importanti come Este, il comprensorio termale e Padova e i loro rispettivi agri.

Il tutto in un territorio dalla geomorfologia assai complessa e fortemente caratterizzata, allora, dalla presenza del fiume Adige.

Sabato 16 marzo 2019 – alle ore 16 – presso il Palazzo e Loggetta Del Monte Di Pietà a Monselice, Cinzia Tagliaferro e Cristina Zamboni  relazioneranno sulla recente scoperta di una antica strada romana che collegava Este con Monselice.

Cinzia Tagliaferro è laureata in Lettere Classiche presso l’Università degli Studi di Padova. Collaboratrice della Soprintendenza Archeologica per il Veneto, ha partecipato a campagne di scavo in siti protostorici e romani,  all’allestimento di mostre di argomento archeologico e sale espositive museali. Collabora da anni alle varie manifestazioni del Museo Nazionale Atestino di Este e della Soprintendenza del Veneto per i quali organizza, progetta e svolge numerose e varie attività didattiche.

Cristina Zamboni, laureata in Scienze Geologiche presso l’Università degli Studi di Padova è geologo libero professionista nel campo di tematiche territoriali con analisi da telerilevamento. Ha svolto attività di ricerca in ambito ambientale ed archeologico presso laboratori delle Università di Padova e di Torino e del Consiglio Nazionale delle Ricerche di Padova e di Roma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *