Quota 100: cos’è, come funziona e chi ne ha diritto

La quota 100 è stata illustrata ieri sera dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte e dai vice premier Luigi di Maio e Matteo Salvini al terme del Cdm che l’ha approvato. Con questa nuova norma per tre anni, dal 2019 al 2021, si potrà andare in pensione con 62 anni di età e 38 di contributi senza nessuna penalizzazione. Saranno investiti 22 miliardi di euro e si stima che nel trennio circa 1 milione di lavoratori approfitterà dell’opportunità. Vediamo nel dettaglio cosa prevede e chi può accedervi.

CALENDARIO DI ACCESSO AL PENSIONAMENTO
– Lavoratori privati. Dal 1° aprile 2019 per chi ha maturato i requisiti entro il 31 dicembre 2018 e poi ogni 3 mesi dal raggiungimento dei requisiti; Dopo tre mesi: per chi ha maturato i requisiti a partire dal 1° gennaio 2019.
– Lavoratori pubblici. Dal 1° Agosto 2019: per chi ha maturato i requisiti all’entrata in vigore del decreto e poi ogni 6 mesi dal raggiungimento dei requisiti; Dopo sei mesi: chi ha maturato i requisiti a partire dal 1° febbraio 2019.
– Lavoratori scuola e Afam. Dal 1 settembre: in linea con l’inizio dell’anno scolastico

COME FUNZIONA
È possibile andare in pensione in anticipo con 42 anni e 10 mesi di contributi, se uomini, e con 41 anni e 10 mesi di contributi, se donne. Una volta maturati i requisiti, i lavoratori e le lavoratrici percepiscono la pensione dopo tre mesi. Le donne lavoratrici a 58 anni se dipendenti e 59 se autonome con almeno 35 anni di contributi al 31 dicembre 2018 possono optare per il pensionamento con opzione Donna. Ai lavoratori precoci non si applicano gli adeguamenti alla speranza di vita e potranno quindi andare in pensione con 41 anni di contributi.

APE SOCIAL
L’accesso all’indennità sostitutiva della pensione è prorogata per un anno, dal 1° gennaio al 31 dicembre 2019 e dura fino al conseguimento dell’età anagrafica per la pensione di vecchiaia. occorre avere almeno 63 anni di età e 30 o 36 anni, a seconda dei casi, con bonus di un anno per figlio (max 2) per le lavoratrici.

PACE CONTRIBUTIVA
Si tratta della possibilità di riscattare, su richiesta, periodi di buco contributivo non obbligatori per massimo 5 anni. La possibilità è prevista per un triennio dal 2019 al 2021. Il riscatto del periodo di laurea sarà a condizioni agevolate entro i 45 anni: sarà detraibile l’onere del 50% in cinque quote annuali e la rateizzazione fino a 60 rate mensili.

TFR
Per tutti i pensionati pubblici (non solo quota 100) è prevista la possibilità di avere subito l’anticipo di fine rapporto fino a 30.000 euro. Sarà inoltre possibile cumulare periodi assicurativi presenti su più gestioni mentre la pensione non è cumulabile con redditi da lavoro dipendente o autonomo ma sì con redditi da lavoro occasionale (5mila euro max)

FONDO BILATERALE PER IL RICAMBIO GENERAZIONALE
Si può accedere per andare in pensione tre anni prima di quota 100 a patto che ci sia un’assunzione. Sono esclusi i lavoratori in Isopensione (prestazioni in essere o erogate). (a.mat.)

Clicca qui per leggere la scheda sul REDDITO DI CITTADINANZA

Fonte: Adnkronos

(ph: imagoeconomica)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *