//script di facebook

Quarantennale dalla scomparsa di Francesco Fabbri-Eventi Celebrativi

Il 20 gennaio 1977 moriva a Roma Francesco Fabbri, senatore della Repubblica, sottosegretario al Tesoro prima e Ministro per la Marina Mercantile poi e in precedenza assessore e sindaco di pieve di Soligo e assessore e vicepresidente della Provincia di Treviso.

Un esponente di “peso” della Democrazia Cristiana, alla quale si iscrive nell’immediato dopoguerra.

Un uomo che nel quartier del Piave, sua terra natale, ha lasciato il segno; a lui si deve la nascita del Consorzio Bim Piave (attuatore della metanizzazione industriale e domestica), della strada del Prosecco e della Cantina Sociale Colli del Soligo. Fabbri viene ricordato come un “resistente”, un politico innovatore, animato da una fortissima coscienza sociale.

In occasione della ricorrenza del quarantennale dalla scomparsa, la Fondazione Fabbri, il Comune di Pieve di Soligo e il Consorzio Bim hanno organizzato una serie di eventi allo scopo di ricordare la figura e lo spirito che ha sempre caratterizzato l’operato del senatore, indiscusso protagonista della rinascita di questa terra.

Venerdì 20 gennaio

Alle 20.30 Concerto in Duomo dell’Orchestra “Neue Sinfonie Villach” diretta da Gabriele Di Toma. Il programma prevede musiche di Beethoven, Ferrari e Bruckner.

 

Domenica 22 gennaio

Alle 10.30 Santa Messa in Duomo a Pieve di Soligo che vedrà la celebrazione da parte del Cardinale Beniamino Stella.

Alle 11.30 la Commemorazione civile presso l’auditorium della Biblioteca comunale. Saranno presenti in qualità di relatori: l’ex segretario prov. DC Pietro Faccin, l’editorialista dei quotidiani locali del gruppo l’Espresso Francesco Jori ed il sen. Maurizio Sacconi, ministro del Lavoro nel governo Berlusconi. Sarà l’occasione per indagare e riflettere sull’operato politico di Francesco Fabbri e sulla sua grande attualità riguardo ad esempio le forme di collaborazione tra comuni che oggi appare sempre più indispensabile per una corretta gestione della cosa pubblica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *