//script di facebook

NEL DERBY ITALIANO AL PALAPANINI DOPO UNA DURA BATTAGLIA VINCE MODENA 16-14 AL QUINTO

Nel derby europeo “fratricida” del PalaPanini di Modena per la seconda giornata della Pool A di Cev Champions League, le Pantere dell’Imoco Volley incappano in una bruciante sconfitta dopo un match pieno di pathos e capovolgimenti di fonte. Per la Champions si tornerà in campo tra due settimane ancora in trasferta, in Poloniacontro il Chemik Police che ha vinto 3-0 martedì a Baku.

La cronaca del match: coach Mazzanti schiera Skorupa al palleggio Ortolani opposta, centrali De Kruijf e Folie, schiacciatrici Bricio e Cella, libero De Gennaro.
Nel primo set l’Imoco, che viene da dieci vittorie consecutive tra campionato e coppe, combatte nella fase iniziale inseguendo Brakovecic e compagne. Il gioco è già di alto livello, Ferretti e Skorupa si sbizzartiscono con il loro arsenale d’attacco poi piazza una grande zampata alla fime del parziale con una serie finale di muri di De Kruif e Skorupa che ribaltano la situazione e mettono in carniere il primo successo parziale per le Pantere: 23-25.
Nel secondo set l’Imoco continua a spingere forte, Bricio aggredisce con la battuta, Serena Ortolani colpisce bene in attacco e il muro continua ad essere aggressivo e attento: le Pantere allungano, 12-7, poi 16-11, ma sul piu’ bello si spegne la luce e la Nordmeccanica con l’orgoglio delle sue campionesse torna sotto: l’aggancio poco prima dello sprint finale, con Heyrmann, Ozsoy ed Heyrmann capaci di continuare sulla scia della grande rimonta e sorpredndere le Pantere fino al 26-24 finale.
L’Imoco pero’, squadra di campionesse, non si perde d’animo e sulla spinta di una vivacissima De Kruijf, le intuizioni di Folie (4 muri) e le difese di una Moki De Gennaro in forma smagliante (ottima la sua partita) vola in avvio come nel parziale precedente, ma stavolta non stacca le mani dal manubrio e pedala fino in fondo, conquistando il set 20-25 con relativa tranquillità.
Cambia la musica nel quarto parziale, con la squadra di coach Gaspari brava ad alzare il ritmo della difesa e a limitare così l’attacco di Bricio e compagne. Cisky Marcon (18 punti per la coneglianese) gioca colpi importanti con la sua esperienza, Brakocevic (20 punti) e Ortolani (16 con 2 aces) duellano alla grande, una monumentale De Kruijf (fara’ 25 punti con 7 muri alla fine e il 65% in attacco!) continua a colpire al centro, si prova anche la carta Danesi, ma alla fine Heyrmann (13 punti, 6 muri) e compagne portano a casa il set 25-23.

La delusione è forte, si ripercuote sui primi punti del tie break, con Modena avanti 6-4. Due bombe di Ortolani in battuta e i punti di Samantha Bricio e De Kuijf a muro danno il controbreak fino al 6-8 per l’Imoco. Lì Brakocevic, altra ex, si scatena e con lei è freddissima anche Marcon nei punti caldi, mentre l’Imoco difende tanto (bene De Gennaro),ma non riesce a chiudere perchè Modena mura tanto e bene.
Il break 13-11 è un muro di Heyrman (saranno tantissimi alla fine, 19 per Modena e 16 per Conegliano), subito time out coach Mazzanti. Muro di Raphaela Folie, tornata in campo nel tie break, che accorcia subito le distanze, ma Brakocevic spara l’imprendibile 14-12. Poi Bricio (18 punti) illude: il primo match ball di Modena Samantha o annulla con un diagonale, il secondo è una prodezza con la pipe, ma Brakocevic da metà campo risponde subito e piazza il 15-14 sorprendendo la difesa delle Pantere. Chiude un match dal finale rocambolesco un’invasione a muro dell’Imoco che consegna alla squadra di casa il 16-14 e la vittoria 3-2 dopo un match dalle mille facce. Imoco ko dopo dieci vittorie in fila.

Ora solo due giorni per ricaricare le pile in fretta e domenica altro big match per la prima di ritorno di campionato a Scandicci contro l’agguerrita Savino del Bene dell’ex capitana dell’Imoco Valentina Arrighetti, già capace di dare un dispiacere all’andata alle Pantere vincendo 3-2 al Palaverde.

Sergio Capretta

Presidente e fondatore Valdo Tv

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *