1000 LIBRI – 5 giorni di incontri con autori ed editori del territorio

Con la volontà dare un contributo alla vita culturale del Vittoriese, in particolare dell’antico centro di Ceneda che vanta i natali anche del librettista di Mozart, Lorenzo Da Ponte, il 27 aprile inizia la kermesse “1000 libri” nella splendida e suggestiva cornice di Villa Papadopoli.

Si tratta di un vero e proprio festival che ruota attorno al libro stampato e che si articola in cinque intense giornate nell’arco di un mese, dal 27 aprile al 27 maggio 2018. L’organizzazione fa capo all’associazione Zheneda presieduta da Aldo Bianchi e la direzione artistica è stata affidata a Vesna Maria Brocca.

Il cartellone vede coinvolti gli editori “di casa” Kellermann e De Bastiani, ma anche Alba Edizioni di Meduna di Livenza e i libri per l’infanzia della Fondazione Štĕpán Zavřel di Sarmede, assieme all’Officina di Scrittura dell’associazione culturale “Il Filò” di Vittorio Veneto e al Gruppo Archeologico del Cenedese e al Circolo Vittoriese di Ricerche Storiche.

In veste di testimonial del festival ci saranno Edoardo Fainello e gli attori della famiglia Girardello tra cui la stella nascente del cinema Ludovico Girardello già protagonista nelle sale cinematografiche del film “Il ragazzo invisibile” di Gabriele Salvatores e del sequel “Il ragazzo invisibile, seconda generazione”.

L’anteprima del festival avrà luogo venerdì 27 aprile alle 18.00 con l’assessore alla Cultura di Vittorio Veneto Antonella Uliana che presenterà il libro “Giorni dell’erba” di Carlo Dottor per la casa editrice Kellermann. Seguirà poi l’appuntamento alle 20.30 nella Biblioteca Civica per la visione commentata dei due film di Giovanni Carraro, “Col dei Bos, la montagna dell’ambra” e “Maestoso Cesen 2”.

L’apertura ufficiale si terrà invece sabato 28 aprile alle 16.00 nell’Aula Magna di Villa Papadopoli, in un momento di salotto condiviso in cui i vari protagonisti della kermesse saranno intervistati dal direttore artistico Vesna Maria Brocca, per parlare del fare cultura oggi a Ceneda così come in Italia. La location della kermesse di Villa Papadopoli sarà inoltre impreziosita dalle installazioni artistiche realizzate appositamente dall’artista Sara Marchetto.

A seguire alle 17.00 si terrà la presentazione del libro “Le Segherie del Piave” (De Bastiani Editore) di Giorgio Zoccoletto e alle 18.00 del libro “Bulle da morire” (Feltrinelli Editore) di Emanuela Da Ros.

La giornata di domenica 29 aprile inizierà alle 10.00 con una passeggiata guidata per le vie di Ceneda storica a cura del Gruppo Archeologico del Cenedese e del Circolo Vittoriese di Ricerche Storiche. Contemporaneamente nel Giardino di Villa Papadopoli andrà in scena il laboratorio di lettura animata per bambini a cura di Silvia Antoniazzi. Alle 11.30 sarà tempo della presentazione del libro “Mascheruta e Bruno Digiuno” (Falco Editore) di Giliana Casagrande assieme all’Officina di Scrittura dell’associazione culturale “Il Filò” di Vittorio Veneto. Nel pomeriggio alle 17.30 nella Biblioteca Civica di Ceneda il prof. Bruno Figliuolo, ordinario di Storia Medievale dell’Università degli Studi di Udine, presenterà il libro “Cenita feliciter” (De Bastiani Editore) di Giorgio Arnosti e alle 20.30 si proseguirà con presentazione del libro “La pieve di San Fior di Sopra e la cappella della Beata Mastena” di Antonio Soligon edito dal Comune di San Fior.

La kermesse riprenderà a maggio, quando sabato 26 alle 18.00 sarà dedicato un momento speciale alla storia del ciclismo. Nell’Aula Magna di Villa Papadopoli si ricorderà il 30esimo anniversario della tragedia del Gavia, una tappa mitica del Giro d’Italia durante la quale i ciclisti incontrarono una bufera di neve. A parlarne ci sarà Giacinto Bevilacqua, autore del volume “La leggenda del Gavia” (Alba edizioni). Alle 20.30 l’attenzione verterà sulla storia del dialetto veneto partendo per un viaggio a ritroso nel tempo volto a rivivere quel mondo non molto lontano, ma irrimediabilmente perduto che molti di noi hanno vissuto al rintocco del campanile e nel susseguirsi delle stagioni; un viaggio ricreato con lo spettacolo “I tosatèi de na òlta” tratto dall’omonimo libro pubblicato da De Bastiani, con lo scrittore-contastorie Terenzio Gambin e Maurizio Contessotto, voce, chitarra e armonica.

Domenica 27 maggio si riprenderà con un’altra passeggiata guidata per Ceneda storica, con un laboratorio di lettura animata per bambini e altre presentazioni di libri.

«Nasce a Ceneda la kermesse “1000 libri” che parte dal libro per fare cultura, coinvolgendo editori e associazioni del territorio in una visione comune di respiro nazionale – spiega il direttore artistico Vesna Maria Brocca. Un racconto che si snoda da aprile a maggio e che vanta come testimonial Edoardo Fainello e i suoi talentuosi attori della famiglia Girardello. Il percorso è crossmediale, pensato per un pubblico eterogeneo, con presentazioni di libri con gli autori, visite guidate in città, visione di documentari sul nostro territorio, lezioni sulla storia locale, riscoperta del dialetto e dialogo con i vari protagonisti, il tutto inserito in una cornice artistica creata appositamente per il festival. Rivolgo infine un sentito ringraziamento a tutti coloro che, a vario titolo, hanno contribuito alla riuscita della manifestazione, tra i quali desidero citare Aldo Bianchi e Silvia Della Coletta Tomasi».

Tutti gli eventi sono ad ingresso libero e gratuito. Previsti diversi momenti conviviali.

Si allega la brochure con il programma completo.

Per ulteriori informazioni: Vesna Maria Brocca, cell. 348.3543561

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *